giovedì 4 dicembre 2008

Governo Berlusconi: due pesi e due misure


Rete 4 e Sky cosa hanno in comune? Molte cose ma...

Voglio essere molto breve ma trasmettere il concetto che stravolge qualsiasi regola di buon governo ed equità.

Rete 4 nel 2007 con una sentenza della Corte di giustizia dell’unione europea fu condannata a trasferire le sue trasmissioni sulla piattaforma satellitare, in quanto abusivamente stava occupando frequenze dell’emittente Europa 7 ottenute con un appalto nel lontano 1999.

Da allora Rete 4 feudo del nostro presidente del Consiglio Berlusconi non è mai stata trasferita dalle frequenze delle trasmissioni via etere al satellite, nella più totale disattenzione delle ’disposizioni comunitarie’, del diritto nazionale ed internazionale.

Aspetto non secondario è che Europa 7 non essendo riuscita ad ottenere quanto di suo diritto dovrà essere risarcita con prelievo di danaro dalle nostre tasche con un ammontare di qualche milione di € al giorno.

Torniamo ad oggi con la vicenda Sky, con una manovra lampo impostata dal sempre attento governo Berlusconi, e dico Berlusconi non a caso, si è emanato nella manovra per il salvataggio dell’economia del paese l’aumento dell’IVA per le Pay TV dal 10% al 20%, tutto deciso nel giro di 3 giorni, senza tentennamento alcuno.

Poi ieri sono arrivati i commenti del Premier che ha dichiarato di non essere stato portato a conoscenza che fosse stato inserito questo provvedimento che penalizza principalmente il più importante concorrente di Mediaset nel mondo delle TV a pagamento, e cioè Sky.

Oggi arriva ancora il commento del Premier che si giustifica così dopo le accuse di avere operato dando vantaggio alle proprie aziende, dicendo queste parole :"Si tratta di una precisa disposizione dell’Unione Europea che abbiamo dovuto eseguire".

Allora a questo punto non credo più alle mie orecchie, ma sogno o son desto?
Ma quella di Rete 4 non era una disposizione europea?

Perchè non si è adoperato per il trasferimento di Rete 4 sul satellite con la stessa rapidità con cui ha mosso questa rapida mosso verso Sky?

Perchè questo signore adesso ha aperto le orecchie verso le disposizioni che arrivano da Bruxelles? Ha mica qualche interesse?

Questo è un evidente segno di abuso del potere istituzionale per raggiungere fini esclusivamente privatistici.

Questi politici forse credono ancora che il nostro sia un paese totalmente rimbecillito dalle trasmisisoni che mettono in onda su Rai e Mediaset, ma qualche testolina con un pò di materia grigia fortunatamente è ancora qui ad osservare e criticare il ’malgoverno’.

No, non possiamo accettare questi atteggiamenti, soprattutto perchè ruoli istituzionali come quelli del Premier devono essere eticamente esemplari.
Pertanto vi chiedo di fare il vs commento e dire la vostra per dire basta una volta per tutte.

Nessun commento: